Sort articles by: Date | Most Rates | Most Views | Comments | Alphabet
» Articles for 25.11.2016
Francesco Negro Trio - Silentium (2011/2014) High-Fidelity FLAC Stereo 24bit/96kHz

Artist: Francesco Negro Trio
Title: Silentium
Genre: Jazz
Label: © Alfa Music
Release Date: 2011/2014
Quality: High-Fidelity FLAC Stereo 96kHz/24bit
Source:e-Onkyo
Duration: 01:10:36
Recording: December 2010, Artesuono, Cavalicchio, Udine, Italy by Stefano Amerio


Classe 1986, Francesco Negro è un musicista che nonostante la sua giovane età dimostra già una maturità artistica fuori dal comune. E la dimostrazione tangibile la troviamo nel suo disco, pubblicato da Alfa Music, intitolato Silentium, frutto di lunghe sessioni di prove nel silenzio colmo di luce della campagna salentina e nel chiuso di uno studio, circondati dall’energia convulsa di Roma. La successiva registrazione in studio restituisce il linguaggio del trio in tutta la sua originalità, con una successione di brani inediti alternati a frammenti di improvvisazione collettiva. Il Trio nasce nel 2009 dall’incontro con altri due musicisti: il bassista Igor Legari e il batterista Ermanno Baron in occasione dell’International Jazz Master di Siena. Un’istantanea della nuova generazione del Jazz Italiano, nelle cui file militano giovani musicisti interessati ad esplorare la propria creatività attraverso composizioni originali, a confrontarsi con le tradizioni (native o “altre”) e ad esplorare le infinite possibilità dell’improvvisazione.
  • 0
Francesco Giannelli - Occhi (2011/2015) High-Fidelity FLAC Stereo 24bit/96kHz

Artist: Francesco Giannelli
Title: Occhi
Genre: Jazz, Vocal Jazz
Label: © Alfa Music
Release Date: 2011/2015
Quality: High-Fidelity FLAC Stereo 96kHz/24bit
Source: e-onkyo
Duration: 00:45:39

Attraverso le canzoni da lui più amate, il cantante e cantautore romano prende una pausa dalla vocalità lirica, sua professione, per riscoprire il suo primo amore: il jazz. Un insieme di brani celebri, rivisitati con la sua sensibilità ed interpretati con passione e divertimento. Da Bill Evans a Gershwin, attraverso l’amore cantato dai Beatles e da Sting, il lavoro è impreziosito da un inedito dell’artista. Dedicato agli occhi di una donna che tutto “sentono”.
Accompagnano l'artista, nella realizzazione del disco: Rosita Elena Ippolito (viola da gamba); Antonello Sorrentino (tromba); Pietro Ciancaglini (contrabbasso); Giovanni Ceccarelli (pianoforte e piano elettrico); Francesco Diodati (chitarre); Ermanno Baron (batteria). Tutti gli arrangiamenti sono di Giovanni Ceccarelli.
  • 0
Francesco Cataldo - Spaces (2013/2014) High-Fidelity FLAC Stereo 24bit/96kHz

Artist: Francesco Cataldo
Title: Spaces
Genre: Jazz, Modern Jazz, Contemporary Jazz
Label: © Alfa Music
Release Date: 2013/2014
Quality: High-Fidelity FLAC Stereo 96kHz/24bit
Source: e-Onkyo
Duration: 01:14:51
Recorded & Mixed: Sept 2013 at Sear Sound Studios, NYC by Chris Allen; Avatar Studios, NYC by Fred Kevorkian

All'interno della cornice proposta dal prologo, Our Jazz, e dall'epilogo, The Rain and Us, Francesco Cataldo dispone in Spaces tredici brani, riconducibili ad una matrice moderni mainstream, attenti alle dinamiche metropolitane e moderne, inseriti nel canone della tradizione ma aperti allo stesso tempo a colorarsi dei suoni della contemporaneità.
Per fare questo discorso sonoro, il chitarrista si muove verso il "luogo" jazzistico per antonomasia, vale a dire New York. E per non sbilanciare troppo l'equilibrio a favore dei musicisti statunitensi, porta con sè un padrino d'eccezione come Salvatore Bonafede e ne ricalca in qualche modo le tracce biografiche e musicali.
Il quintetto viene completato da tre nomi di altissimo profilo, come David Binney, Scott Colley e Clarence Penn e ospita, solamente nella doppia traccia Vito/Raccontami, il violoncello di Erik Friedlander. E come si può intuire, il quintetto guarda alla tradizione anche per quanto attiene alla sua line-up: infatti la chitarra elettrica si pone come un secondo fiato a fianco del sax di Binney e si disintereessa della gestione armonica. I suoni utilizzati da Cataldo invece guardano ad una dimensione più moderna dello strumento e più vicina alle contaminazioni provenienti da altri mondi sonori.
Il quintetto così apparecchiato affronta un repertorio vario: per quanto come detto si ponga all'interno di coordinate ben precise, mette in risalto un approccio articolato, pur senza complicazioni ridondanti, e una propensione per una chiarezza melodica pur senza voler smussare a tutti costi spigoli e frizioni.
E anzi, Spaces si avvantaggia di una vivace ricerca di un punto di equilibrio mediano e si serve delle varie tensioni per dare significato al racconto sonoro, in una ridefinizione continua dei rapporti fra le sue componenti. Un atteggiamento mai statico e tale da conferire dinamismo al complesso del disco.
L'intervento di Binney, Colley, Penn e Friedlander riflette le intenzioni espressive per cui sono stati coinvolti: rappresentare il suono di New York. Una formula semplicistica, se si vuole, ma che viene riempita di significato dal valore dei quattro e dall'apporto offerto alle composizioni di Francesco Cataldo.
  • 0
Francesca Biagi - Frances' Follies (2012/2014) High-Fidelity FLAC Stereo 24bit/96kHz

Artist: Francesca Biagi
Title: Frances' Follies
Genre: Jazz, Vocal Jazz, Swing, Traditional Pop
Label: © Alfa Music
Release Date: 2012/2014
Quality: High-Fidelity FLAC Stereo 96kHz/24bit
Source: e-Onkyo
Duration: 43:55

Signorina Biagi is a youthful Italian singer with a deep love for the film songs of the middle of the twentieth century — and her newest CD, FFANCES’ FOLLIES, pays tribute to that ebullient music. Actress, student of theatre history, tap-dancer and fluegelhornist, Francesca has a deep involvement with the music of the Boswell Sisters (from 2003-7, she formed and led the Boop Sisters, a female vocal trio devoted to the music of Connee, Vet, and Martha (with an Italian accent, of course); she has also sung and played with the Bixilander Orchestra, a group whose musical world embraces both Bix and Basie.
  • 0
Foxes - All I Need (2016) High-Fidelity FLAC Stereo 24bit/44,1kHz

Artist: Foxes
Title: All I Need
Genre: Pop, Electronic, Dance Pop
Label: © Sign Of The Times Records
Release Date: 2016
Quality: High-Fidelity FLAC Stereo 44,1kHz/24bit
Source: HDTracks
Duration: 55:20
Recorded: 2015

Foxes' All I Need (Epic) is a refreshing blast of deftly produced, stylish pop. At its best, All I Need is on par with the smarts of Marina and the Diamonds and the addictive joy of Ellie Goulding, while mirroring the focused vision of Carly Rae Jepsen. From the double-whammy of the two singles that open the album to the stirring numbers that close it, it's a vital dose of unabashed emotion that never overwhelms with saccharine treacle or plastic detachment. Louisa Rose Allen's rich voice conveys a soul and organic emotion similar to Lady Gaga and Leona Lewis at their most relatable. That vocal strength is the center point that carries the album from the immediacy of the feel-good, club-friendly hits ("Body Talk," "Amazing") to the empowering Sia-sized belters ("Feet Don't Fail Me Now"). Elsewhere, the plaintive moments of dramatic beauty are heartbreaking (the weepy "If You Leave Me Now" and the Babyface-penned "Scar") and the kiss-offs ("Money") burn with Lily Allen sass. In addition to Foxes' talent, the behind-the-scenes team is top-shelf pedigree. Dan Smith of Bastille co-wrote the glimmering Eurodisco opener "Better Love" and Semisonic's Dan Wilson lent his skills to the power-stomping anthem "Devil Side." Meanwhile, super producers Rick Nowels and Jesse Shatkin -- who, collectively, have worked with the likes of Adele, Sia, Dido, Kelly Clarkson, Kylie, P!nk, and Katy Perry -- put their magic touches on a number of highlights, including Nowels' peppy jaunt "Wicked Love" -- which glimmers with pep and an angelic harp that would make Florence Welch and Kate Bush proud -- and Shatkin's "On My Way," a gorgeously restrained ballad backed by a gospel choir. Much like Jepsen's Emotion or Swift's 1989, Foxes' All I Need is vibrant, intelligently crafted pop pleasure. --AllMusic Review by Neil Z. Yeung
  • 0
Fabrizio Savino Quintet - Metropolitan Prints (2009/2014) High-Fidelity FLAC Stereo 24bit/96kHz

Artist: Fabrizio Savino Quintet
Title: Metropolitan Prints
Genre: Jazz, Modern Jazz, Fusion, Contemporary Jazz, Guitar Jazz
Label: © Alfa Music
Release Date: 2009/2014
Quality: High-Fidelity FLAC Stereo 96kHz/24bit
Source: e-Onkyo
Duration: 00:37:04
Recorded: BoboStudios, Capurso, Bari, Italy by Claudio De Leo; Mixed: Alfamusic Studio, Rome, Italy by Alessandro Guardia


37 minuti veloci come un treno costituiscono l'opera prima di Fabrizio Savino, taletuoso musicista pugliese che si dimostra, in questo disco, interessante sia come strumentista che come compositore, dato che sette degli otto brani che compongono Metropolitan Prints portano la sua firma. L'armosfera in cui il disco ci immerge fin dalle prime battute è quella di un raffinato hard-bop con confini labili, anzi labilissimi: è sicuramente la grande tradizione bop che affiora nelle intenzioni, anche se le contaminazioni con musiche contemporanee di varia estrazione non manca mai (ed è questo propriamente, anche, a costituire quell'atmosfera "metropolitana" che fa capolino non solo dietro al titolo del disco, ma anche dietro ai nomi di molti brani).
La musica si fregia in primo luogo della ricchezza della stessa chitarra del leader, sempre precisa e in grado di confezionare assoli ricchi di spunti (per quanto qua e là tenda ad emergere una certa tendenza a riempire di note ogni spazio possibile; ma del resto, il nostro avrà tutto il tempo di arricchirsi di esperienze e di una maturità ben maggiore di quella consentita dai suoi ventotto anni). Altro punto di forza musicale del disco, per quanto tutti i membri del gruppo contribuiscano a creare un'atmosfera uniforme e amalgamata, sono i fiati di Luca Aquino e Raffaele Casarano, che anche grazie all'ausilio di timbri elettronici sempre misurati arricchiscono ogni brano quel tanto che basta da fornirgli la spinta necessaria. Ogni traccia dell'album si configura così come un racconto a se stante, dotato di una propria poetica e unità stilistica: troppo lungo sarebbe rintraccia tutti i possibili riferimenti. Basti qui dire che l'arrivo sul mercato discografico del jazz italiano di Fabrizio Savino non è la scontata riproposizione di elementi stantii, ma una solida costruzione per futuri lavori, discografici o dal vivo che siano.
  • 0
Fabrizio D'Alisera Quintet - Mr. Jobhopper (2012/2014) High-Fidelity FLAC Stereo 24bit/96kHz

Artist: Fabrizio D'Alisera Quintet
Title: Mr. Jobhopper
Genre: Jazz
Label: © Alfa Music
Release Date: 2012/2014
Quality: High-Fidelity FLAC Stereo 96kHz/24bit
Source: e-onkyo
Duration: 53.29
Recordings, Mixing and Mastering AlfaMusic Studio, Rome

Se questo lavoro d’esordio come leader di Fabrizio D’Alisera fosse un biglietto da visita, che informazioni ci darebbe? Sapremmo subito che si può tenere in conto la storia senza appiattirsi sui modelli, che ci si può lanciare in un racconto improvvisato senza sfoggiare inutili virtuosismi, che l’autore dei temi può improntare strutturalmente in maniera coerente tutti i brani, mostrando un gusto per l’asimmetria, inquadrando in un progetto unico atmosfere diverse: insomma buone notizie su questo sassofonista con l’animo del compositore, e sui suoi compagni di viaggio, da Tiziano Ruggeri lirico e mai scontato, a Karim Blal accompagnatore stimolante e solista creativo, a Giulio Scarpato sostegno solido e propositivo, ad Alessandro Marzi dai variegati timbri percussivi, a Martino Onorato che colora sapientemente i suoi interventi.
Un’avventura d’ascolto in cui Fabrizio ci coinvolge puntando sul linguaggio diretto ma non banale, sui riferimenti profondi, sulle emozioni suggerite e non urlate, su una vera maturità. Così nel percorso vario ma saldamente unitario incontriamo la struttura viva e l’atmosfera hard bop di Mr Jobhopper, l’amore per i temi ellingtoniani di Second one, viaggiando in 5/4 nella notte arriviamo ad un bel pedale finale su Night journey, per proseguire dritti sui cambi di I got rhythm di Straight, recuperiamo qualche suono rock in Rubber groove per affacciarci discreti su Silent Bob e goderci la ballad moderna con l’eco di Shakespeare (Perchance to dream), veniamo travolti dalla polifonia spontanea di Indach song, per essere salutati come tradizione vuole dal blues-commiato. Blues mocking... Qualche volta i biglietti da visita raccontano una storia. --Marco Tiso
  • 0
Fabrizio Savino - Aram (2012/2014) High-Fidelity FLAC Stereo 24bit/96kHz

Artist: Fabrizio Savino
Title: Aram
Genre: Jazz
Label: © Alfa Music
Release Date: 2012/2014
Quality: High-Fidelity FLAC Stereo 96kHz/24bit
Source: e-Onkyo
Duration: 52.20
Recordings, Mixing and Mastering Sorriso studios, Bari by Tommy Cavalieri

ARAM è il titolo del nuovo progetto di Fabrizio Savino. Dopo due anni dal disco di esordio Metropolitan Prints (AlfaMusic), il chitarrista ritorna ad un sound molto più acustico con un quartetto di giovani talenti: Enrico Zanisi (pianista), Luca Alemanno (contrabbassista) e Dario Congedo (batterista). ARAM nasce dopo un percorso di studi e approfondimenti avuti in America precisamente a New York, dove Savino ha trascorso gran parte degli ultimi due anni per ricercare stimoli e per studiare quel sound newyorkese al lui molto affine. Li ha avuto la possibilità di studiare con i grandi della chitarra d’oltre oceano quali Peter Bernstein, Mike Moreno e la possibilità di confrontarsi con vari musicisti americani. Altro incontro fondamentale per il chitarrista è stato essere a contatto durante il Tuscia in Jazz con uno dei chitarristi più importanti della scena del jazz moderno internazionale, Kurt Rosenwinkel. Il nuovo album è caratterizzato da un sound moderno (affine all’idea americana) senza tralasciare la tradizione Bop, Hard-bop e Mainstrem. La track list è composta da otto brani, sette di composizione del chitarrista ed un omaggio a John Coltrane con una ballad rivisitata in chiave R&B dal titolo Naima. In tutti i brani del disco si lasciano ampi spazi d’improvvisazione e d’interplay dove il quartetto ha la possibilità di evolvere il mood delle songs cercando di essere sempre in linea con l’idea brano suonato. Inoltre come in molte composizioni di Savino, ci sono vari aspetti di poliritmia nell’idea ritmica dei brani (brani in 5/8, 7/8, 6/8, 4/4).
  • 80
Dear visitor, you have not login. We recommend you to REGISTER and LOGIN to gain access to the full resource on our website.